Destinazione Italia: misure concrete per le piccole e medie imprese, per favorire gli investimenti nel Paese e molto altro.

on .

Con l'approvazione definitiva del Senato entrano in vigore le norme del pacchetto Destinazione Italia, che intervengono tra l'altro sul contenimento delle tariffe elettriche e del gas, sulla riduzione dei premi RC-auto, per promuovere l'internazionalizzazione, lo sviluppo e la digitalizzazione delle imprese, il superamento del digital divide.

Risparmi in bolletta - Il taglio è stimato in 850 milioni e dovrebbe andare soprattutto a vantaggio delle imprese.

Buono-libri - Mette a disposizione un fondo di 50 milioni di euro per gli anni dal 2014 al 2016 per l'acquisto di libri. Le scuole superiori distribuiranno agli studenti i voucher per l'acquisto di libri di lettura (quindi non scolastici) con uno sconto del 19% nelle librerie che avranno aderito all'iniziativa. Le librerie recupereranno lo sconto agli studenti in sede di dichiarazione d'imposta.

Compensazione con crediti Pubblica Amministrazione - Le imprese in credito potranno compensare i debiti maturati con l'agente di riscossione.

Credito d'imposta - A favore delle imprese, il decreto offre un credito d'imposta per la ricerca e lo sviluppo: il tetto è di 200 milioni e ciascun beneficiario (purchè abbia fatturato annuo sotto i 500 milioni) può goderne fino a un massimo annuale di 2,5 milioni. Vengono poi introdotti voucher da 10mila euro per la digitalizzazione delle imprese, nonchè la possibilità di emettere piccole obbligazioni.

Crisi industriali - Una serie di norme è dedicata alla riqualificazione produttiva di aree di crisi industriale e per le bonifiche dei siti di interesse nazionale (per esempio Porto Marghera).

Internazionalizzazione delle imprese - Capitolo a parte, con il Fondo per la promozione degli scambi che cresce di 22,5 milioni nel 2014, e alle facilitazioni per le start up innovative che vogliano sbarcare da noi, con l'apertura delle dogane 24 ore su 24 e agevolazioni per i visti.

Mutui a tasso zero - Vengono estesi anche all' imprenditorialità giovanile e femminile e fra i progetti rientrano anche le iniziative nel commercio e nel turismo.

 

Leggi un maggior dettaglio sul sito dei Deputati PD: Destinazione_Italia.pdf

 

Un piano di rilancio per il distretto tecnologico lombardo del vimercatese

on .

MICRON - ALCATEL - ST: una crisi di sistema che coinvolge persone, le loro famiglie, il nostro futuro.

Come deputati PD ci siamo attivati dall'inizio della legislatura per porre in primo piano la questione del rilancio di questo settore strategico per il paese e per il futuro di centinaia di lavoratori e delle loro famiglie. Siamo solidali e al fianco dei lavoratori oggi in sciopero.
Nel distretto hig tech lombardo del vimercatese si concentrano le più grandi aziende del settore: ST, Alcatel e Micron. Abbiamo chiesto e ottenuto l'audizione dei rappresentanti delle aziende in commissione attività produttive della Camera. Si tratta di un settore non colpito dalla crisi, in forte espansione in ambito internazionale, e strategico per il Paese.
Ci opponiamo alla scelta di Micron di ridimensionamento delle sue attività in Italia dopo aver portato via le conoscenze ed i prodotti qui sviluppati. Chiediamo un forte investimento sul dodici pollici in ST, già in forte dubbio per il 2017 e che deve invece essere anticipato.
Ai tagli previsti dallo Shift PLAN di Alcatel Lucent, che prevede 600 esuberi in Italia contrapponiamo un piano industriale che salvaguardi le attività e le prospettive di tutti, contratti di solidarietà, la fine immediata di elementi di mobbing e discriminazioni che l'azienda attua da mesi verso decine di lavoratori già colpiti dalla cassa integrazione, una soluzione industriale credibile su Optics e su Field Force e il blocco delladelocalizzazione delle attività Finance, IT, HR, Learning.

Siamo impegnati perché gli investimenti concreti su Agenda Digitale e sul rilancio del settore siano un'occasione per il rilancio del settore e perché la partecipazione pubblica in ST sia un reale strumento di politiche industriali.

Innovare la tutela del diritto d'autore

on .

Il mio intervento in aula nella discussione sul diritto d'autore.

Signor Presidente, io credo che la mozione in discussione ci offra un'importante opportunità per riflettere sul tema fondamentale del diritto d'autore nei tempi moderni in cui molte cose sono cambiate e in cui la reale tutela del lavoro intellettuale rischia di essere minacciata: io vorrei che noi ci trovassimo d'accordo nel partire da questo punto. 

Il problema principale di questo Parlamento è quello di riconoscere al lavoro intellettuale, dell'ingegno, al lavoro degli artisti e di chi lavora nel campo dello spettacolo e della cultura la pienezza del diritto sul proprio lavoro e sul fatto che esso possa essere retribuito e che non esista, come invece molto spesso viene raccontato, un conflitto tra i fruitori di cultura e coloro che la cultura la producono. Se in qualche maniera noi non riusciamo a tutelare questo diritto, facendo sì che l'opera dell'ingegno venga retribuita, noi non avremo niente di cui occuparci, niente – e lo dico chiaramente – da scaricare gratuitamente come a tutti piace fare.

Una sintesi della legge di stabilità

on .

I tratti cardine della legge di stabilità sono il sostegno allo sviluppo, le misure di equità e le risposte alle situazioni di difficoltà dei cittadini. Tra i provvedimenti più importanti c’è il fondo taglia tasse sul lavoro che il Partito democratico ha chiesto di istituire già dal 2009, la salvaguardia degli esodati e l’indicizzazione delle pensioni, l’incremento delle borse di studio per gli studenti universitari e i finanziamenti per i medici specializzandi.

Sono state introdotte misure che vanno nel segno di una maggiore equità sociale, come ad esempio il tetto al cumulo tra pensione e reddito da lavoro e lo stop al galleggiamento; affrontate le questioni dei precari della giustizia e della scuola e destinate risorse per il dissesto idrogeologico e la tutela del territorio.
Per le politiche sociali sono stati stanziati 350 milioni per la non-autosufficienza, 40 milioni per l'assistenza di minori non accompagnati, 30 per il Fondo infanzia, con una netta inversione di tendenza rispetto al passato.

La scuola riparte

on .

Arriva finalmente in Aula il provvedimento su Scuola, Università e Ricerca.

Un provvedimento molto importante che segna un'inversione di tendenza.
Sulla scuola si inizia ad investire, mentre negli ultimi anni si è sempre tagliato.
Nel lungo, impegnativo lavoro in commissione abbiamo inserito molti miglioramenti, facendo tesoro delle tante audizioni e delle tante segnalazioni che abbiamo raccolto.

Finalmente un provvedimento che si occupa specificamente di scuola, università e ricerca è stato esaminato nella sua sede naturale, cioè in Commissione cultura. Si è percepito un senso di stupore, ebbene sì, è così, perché in effetti da anni, forse da troppi anni, misure destinate ad incidere sul sistema pubblico di conoscenza, spesso con il principale obiettivo di ridurre il bilancio a disposizione del Ministero.

Sei libri, sei film, sei canzoni, sei scelte per conoscerci meglio.

  • verita-e-metodo
    Verità e metodo
  • il-piccolo-principe
    Il piccolo principe
  • Il-nome-della-rosa
    Il nome della rosa
  • zoom 10564419 gioco specchi
    Il gioco degli specchi
  • Holmes
    Sherlock Holmes
  • imperium
    Imperium
  • attimo-fuggente
    L'attimo fuggente
  • 2001.-Odissea-nello-spazio-br
    2001 odissea nello spazio
  • match-point-336x480
    Match point
  • thedreamers
    The dreamers
  • ilmionomeenessuno
    Il mio nome è nessuno
  • giordanobruno
    Giodano Bruno
  • battiato
    Up patriots to arms
  • vecchioni
    Dentro agli occhi
  • degregori
    Rumore di niente
  • deandre
    Smisurata preghiera
  • morcheeba
    Rome wasn't built in a day
  • police
    Message in a bottle